OTOPLASTICA

Image

Le orecchie, insieme agli occhi, il naso o la bocca, rappresentano un elemento d’equilibrio nel bilancio estetico del viso e nella sua valorizzazione. L’otoplastica è la procedura chirurgica che permette di correggere le alterazioni di dimensioni e forma del padiglione auricolare, che sono alla base di un inestetismo noto comunemente come “orecchie a sventola”. Si tratta di una lieve malformazione congenita della cartilagine auricolare che rimane piatta e sporgente dalla testa, creando il tipico effetto “Dumbo”. Questa problematica viene avvertita particolarmente sia nel periodo adolescenziale che nei bambini in età scolare, dove può diventare fonte di disagio psicologico assai rilevante. Intervenire in età prescolare, consente di non incrinare l’immagine che il bimbo ha di sé nei confronti degli altri compagni di giochi ed evitare quindi comprensibili complessi futuri. A riguardo, sono frequenti dubbi ed interrogativi che meritano alcuni chiarimenti:

  • la forma non interferisce in alcun modo con la funzionalità uditiva
  • le posizioni anomale assunte durante il sonno dai bambini, non hanno alcuna correlazione con l’insorgenza del difetto
  • le orecchie non si “sistemano” spontaneamente con il tempo
  • lo sviluppo fisico non disturba la forma dell’orecchio e si può quindi considerare l’intervento correttivo già a partire dai 4-5 anni d’età

IMPORTANZA ESTETICA DEL LOBO

Una struttura anatomica che riveste un ruolo importante nell’equilibrio e nell’estetica dell’orecchio, e di cui bisogna tener conto nel risultato finale di un’otoplastica, è il lobo auricolare. La sua correzione, nota anche come Lifting del lobo auricolare, permette di intervenire e correggere anche “deformità” esclusive di esso ed indipendenti dalla forma originaria dell’orecchio: il “lobo bifido”, conseguenza di traumi da strappamento o del peso degli orecchini; la distensione del lobo conseguente all’inserimento di dilatatori; l’ipertrofia ed il rilassamento di questi tessuti legato al passare degli anni.

preoperatorio

IL PRE OPERATORIO

La valutazione delle orecchie prima di un intervento di otoplastica, è essenziale per individuare le differenti componenti dell’orecchio da correggere. L’obiettivo finale è di correggere l’eccessiva protrusione delle orecchie e portarle in una posizione più normale rendendole così meno evidenti. Il Chirurgo, in base a questa valutazione, illustrerà i risultati che si potranno raggiungere e sceglierà la procedura chirurgica più indicata.

come si effettua

COME SI EFFETTUA

L’intervento si effettua in anestesia locale associata eventualmente a una leggera sedazione. Si procede al rimodellamento della cartilagine auricolare, cioè lo “scheletro dell’orecchio”, attraverso un’incisione posteriore e all’applicazione di alcuni punti di sutura che stabilizzano la cartilagine nella posizione desiderata.

tempi di recupero

TEMPI DI RECUPERO

Il paziente ritorna a casa in giornata. Il nuovo padiglione auricolare è protetto per le prime 48 ore da una medicazione “a caschetto” che sarà poi sostituita con una fascia elastica (tipo sci) da indossare durante la notte. Potrà esserci un modesto dolore e gonfiore post operatorio, comunque facilmente controllabile con i normali farmaci antidolorifici.

costi

COSTI

La stima del costo dipende molto da caso a caso e a seconda della tecnica chirurgica impiegata e del fatto che si intervenga sulle palpebre superiori, inferiori o su entrambe. Solo dopo una visita esplorativa sarà possibile stilare un preventivo. Per avere maggiori informazioni compilate il form di contatto, vi risponderemo appena possibile.

INTERVENTO

MINIMO

MASSIMO

OTOPLASTICA

€ 1.800

€ 3.500

Galleria Fotografica

Dott. Stefano Bezzi

Linea Diretta: +39 348 0589908 
E-mail:

Le nostre Sedi

Padova
P.le Stazione, 7
Pordenone
Via Forniz, 2 - Porcia
Rimini
Poliambulatorio Nuova Medicina
Viale del Prete, 69 - Cattolica
Venezia Mestre
Villa Rondina - Studi Medici
Via Mancini, 11